giovedì 27 febbraio 2020

Solidarietà alla delegazione della Chiesa Cattolica Etiope


Vogliamo manifestare tutta la nostra solidarietà alla delegazione della Chiesa Cattolica Etiope guidata da Sua Eminenza Card. Bérhaneyesus Demerew, S.E. Mons. Musie Ghebregiorghis Eparca di Emdeber, e Abba Teshome Fikre E.C.S, questa delegazione si è recata con un regolare visto ad Asmara per partecipare al giubileo della Chiesa Arcieparchiale di Asmara che festeggia il 50° anniversario e festa annuale della patrona Kidane Méhret (La Madonna di Perpetuo Soccorso), ma al loro arrivo ad aerea porto di Asmara nonostante il regolare visto di ingresso sono stati trattenuti illegalmente per 16 ore in aereo porto di Asmara da un regime illegale oltre che essere criminale ha commesso crimine su questi leader religiosi che venivano in pellegrinaggio per celebrare con i fratelli Eritrei l'annuale festa dedicata alla Patrona di Asmara Kidane Méhret, dopo 16 ore di illegale detenzione sono stati respinti costretti a fare ritorno ad Addis Abeba. Questa è la dimostrazione plastica della falsità del cosi detto processo di "Pace" non esiste pace violando diritti e libertà delle persone, delle religioni. Condanniamo il crimine che è stato commesso su la delegazione etiope di Leader Religiosi della Chiesa Cattolica. Manifestiamo anche la nostra solidarietà alla Chiesa cattolica che è in Eritrea che è stata umiliata da questo regime che da anni continua a perpetrare i suoi crimini sulla popolazione Eritrea e la Chiesa Cattolica in Eritrea.
 don Mussie Zerai


Our Solidarity with the delegation of the Ethiopian Catholic Church


We want to express our solidarity with the delegation of the Ethiopian Catholic Church led by His Eminence Card. Bérhaneyesus Demerew, H.E. Mons. Musie Ghebregiorghis Eparca of Emdeber, and Abba Teshome Fikre ECS, this delegation went with a regular visa to Asmara to participate in the jubilee of the Archieparchial Church of Asmara which celebrates the 50th anniversary and annual feast of the patron saint Kidane Méhret (The Madonna of Perpetuo Aid), but upon their arrival at the air port of Asmara despite the regular entry visa they were illegally detained for 16 hours in the airport of Asmara by an illegal regime as well as being a criminal he committed crime on these religious leaders who came in pilgrimage to celebrate with the Eritrean brothers the annual feast dedicated to the Patroness of Asmara Kidane Méhret, after 16 hours of illegal detention they were rejected forced to return to Addis Ababa. This is the plastic demonstration of the falsity of the so-called "Peace" process. There is no peace by violating the rights and freedoms of people and religions. We condemn the crime that has been committed on the Ethiopian delegation of religious leaders of the Catholic Church. We also express our solidarity with the Catholic Church which is in Eritrea which has been humiliated by this regime which for years has continued to perpetrate its crimes against the Eritrean population and the Catholic Church in Eritrea.

Fr. Mussie Zerai

venerdì 10 gennaio 2020

Libya, the appeal of the refugees: “We are trapped in the lager with no escape routes

“About 650 people, women and men of different nationalities, including 400 Eritreans and Ethiopians, live constantly in fear, because we continuously hear gunshots nearby, we are closed here, without protection, without escape routes in case of attack, we risk our lives” . It is the dramatic appeal that comes from a group of migrants in the detention centers in Libya, relaunched by Don Mussie Zerai, president of Habeshia.The evacuation request tells of an inhuman situation that hundreds of refugees live every day. “Our concentration camp – said the migrants – is also used as a weapons depot this fact increases the risk that we become a probable military target. Between 27 and 28 December they bombed some structures very close to ours, this fact increases the terror that pervades all of us”.
Then the appeal: “We ask the help of all European institutions and humanitarian agencies to mobilize to find and implement an extraordinary evacuation plan. Every hesitation and postponement endangers the lives of hundreds of human lives”.Don Zerai, considered the guardian angel of migrants, also experienced the drama on his skin and was also nominated for the Nobel Peace Prize. “We can say that we live in a pigsty. – we read in the post where the detention center is called” lager “- We have not received anything for personal hygiene for months, we have been forced to drink salt water, of which we do not know the Health problems are on the agenda; the most serious are the people affected by the TB. We urgently need medical checks, especially those who take care of people who are already in a clear state of need, whom we see in front of we wear ourselves out, as if they were candles burned by the disease, which is consuming them from within. Now we feel abandoned, many of us have fallen into depression, others try to escape to take the sea route, all from the desperation in which we are left to survive. We have cases of attempted suicide, among those who have been for a year and more, forced to move from one concentration camp to another, without seeing a window for their future “.
The difficulties have increased with the heightening of political tensions within the country: “We live in constant danger, not to mention privations, and degradation and degrading conditions for our human dignity in which we are forced to survive. We ask for help all European institutions and humanitarian agencies to mobilize to find and implement an extraordinary plan to evacuate these vulnerable people “.

Urgente !! Appello per l'evacuazione immediata di Profughi intrappola nei lager Libici


Circa 650 persone, donne e uomini di diverse nazionalità di cui 400 eritrei ed etiopi, viviamo costantemente nella paura, perché sentiamo continuamente spari nelle vicinanze, noi chiusi qui, senza protezione, senza vie di fuga in caso di attacco, rischiamo la vita. Il nostro lager è usato anche come deposito di armi questo fatto aumenta il rischio che diventiamo probabile obiettivo militare, tra il 27 - 28 Dic 2019 hanno bombardato alcune strutture molte vicine al nostro, questo fatto aumenta il terrore che pervade tutti noi.

dal punto di vista interno a questo lager, si può dire che viviamo in un porcile. sono mesi che non riceviamo nulla per l'igiene personale,  siamo costretti a bere acqua salata, di cui non sappiamo la provenienza, problemi di salute è all'ordine del giorno, i più gravi sono le persone colpite dal TBC, che sono circa 40 persone, di cui 10 non hanno mai avuto nessuna assistenza, 3 sono in condizione gravissime, che nessuno si sta prendendo cura, con il grave rischio di trasmettere a tutti noi la malattia. Si erano affacciati per un attimo medici  circa un mese fa, poi non gli abbiamo più visti. Noi abbiamo bisogno urgente di controlli medici tutti, sopratutto che si prendano cura delle persone già in evidente stato di necessità, che gli vediamo davanti a noi consumarsi, come se fossero delle candele arse dalla malattia, che gli sta consumando da dentro. Ora ci sentiamo abbandonati, molti di noi sono caduti in depressione, altri tentano la fuga per prendersi la via del mare, tutto questo dalla disperazione in cui siamo lasciati a sopravvivere. Abbiamo casi di tentato suicidio, tra coloro che sono da un anno e più, costretti a spostarsi da un lager ad un altro, senza vedere uno spiraglio per il loro futuro. Poche settimane fa una donna malata che non ha trovato le cure è morta qui, anche una bambina 3 anni, ha perso la vita dopo una caduta, per il mancato di un tempestivo soccorso è morta. Ecco da ogni punto di vista viviamo in pericolo costante, per non parlare delle privazioni, e il degrado e le condizioni degradanti per la nostra dignità umana in cui siamo costretti a sopravvivere.

Chiediamo l'aiuto di tutte le istituzioni europee e delle agenzie umanitarie di mobilitarsi per trovare e mettere in atto un piano straordinario di evacuazione di queste Persone vulnerabili che oggi si trovano nelle condizioni descritte dalle testimonianze che abbiamo raccolto. Ogni tentennamento e rinvio mette in pericolo la vita di centinaia di vite Umane. 

don Mussie Zerai

giovedì 21 novembre 2019

World Day for the Rights of the Child 20/11/1989 - 2019


Today, World Day for the Rights of the Child. 30 years after the New York Convention, what do we celebrate? With what courage we can say that they have rights recognized by the international community to refugee children, refugees, migrants who are forced to survive in total degradation and degrading for their dignity as human beings, in Libyan camps, in refugee camps in Greece, in palaces crumbling in Italy, in makeshift tents in France and in many countries of East Europe, not to mention the Syrian, Afghan, Palestinian, Kurd, Iraqi, Somali, Eritrean, South Sudanese, Congolese, Burundian, Haitian, Venezuelan, Chilean children , Bolivia, Rohingya ect .... Where are the rights of all these children? exploited, enslaved, abused, up to slaughtered to sell vital organs. Children kept in detention in so-called large democracies such as the United States of America, where today hundreds of children are detainees separated from their parents, where these children suffer abuse and violence, this happens today !!! In the country where the convention to protect the rights of all the world's children was formed 30 years ago. But it seems that today this convention is worth nothing in the country where it was signed. What the UN has to celebrate today in the face of the violations perpetrated by the "democracies" let alone the others what they will do.

Giornata Mondiale del Infanzia 20/11/1989 - 2019

Oggi giornata mondiale per i diritti dell'Infanzia. 30 anni dopo la Convenzione di New York, cosa celebriamo ? Con quale coraggio possiamo dire che hanno dei diritti riconosciuti dalla comunità internazionale ai bambini rifugiati, profughi, migranti che sono costretti a sopravvivere in totale degrado e degradante per la loro dignità di esseri Umani, nei lager libici, nei campi profughi in Grecia, nei palazzi fatiscenti in Italia, nelle tende di fortuna in Francia e in molti paesi dell'East Europa, per non parlare dei bambini Siriani, Afgani, Palestinesi, Curdi, Iracheni, Somali, Eritrei, Yemeniti, Sud Sudanesi, Congolesi, Burundesi, Haiti, Venezuela, Cileni, Bolivia, Rohingya ect .... Dove sono i diritti di tutti questi bambini? sfruttati, schiavizzati, maltrattati, per fino macellati per vendere gli organi vitali. Bambini tenuti in detenzione nelle cosi dette grandi democrazie come gli stati uniti d'America, dove oggi centinaia di bambini sono detenuti separati dai loro genitori, dove questi bambini subiscono maltrattamenti e violenze, questo succede oggi !!! Nel paese dove 30 anni fa è stata formata la convenzione per tutelare i diritti di tutti bambini del mondo. Ma pare che oggi questa convenzione non valga nulla nel paese dove è stata firmata. L'ONU cosa ha da celebrare oggi di fronte a le violazioni perpetrate dalle "democrazie" figuriamoci gli altri cosa faranno.


giovedì 31 ottobre 2019

Libia: Appello Urgente dal Centro di detenzione Zawiya


Circa 650 persone, donne e uomini di diverse nazionalità di cui 400 eritrei ed etiopi, viviamo costantemente nella paura, perché sentiamo continuamente spari nelle vicinanze, noi chiusi qui, senza protezione, senza vie di fuga in caso di attacco, rischiamo la vita. 
dal punto di vista interno a questo lager, si può dire che viviamo in un porcile. sono mesi che non riceviamo nulla per l'igiene personale,  siamo costretti a bere acqua salata, di cui non sappiamo la provenienza, problemi di salute è all'ordine del giorno, i più gravi sono le persone colpite dal TBC, che sono circa 40 persone, di cui 10 non hanno mai avuto nessuna assistenza, 3 sono in condizione gravissime, che nessuno si sta prendendo cura, con il grave rischio di trasmettere a tutti noi la malattia. Si erano affacciati per un attimo quelli di MSF  circa un mese fa, poi non gli abbiamo più visti. Noi abbiamo bisogno urgente di un controllo medico tutti, sopratutto che si prendano cura delle persone già in evidente stato di necessità, che gli vediamo davanti a noi consumarsi, come se fossero delle candele arse dalla malattia, che gli sta consumando da dentro. L'UNHCR sono passati 4 giorni fa, si sono limitati a prelevare le impronte digitali di 34 persone, ignorando le persone malate da tempo, cosi come le persone che sono in attesa di reinsediamento dal febbraio del 2018, che prima erano nel lager di Bin Qisher, già la erano stati intervistati dai operatori di UNHCR, prima della loro evacuazione verso dove ci troviamo oggi a Zawiya. Ora si sentono abbandonati, molti sono caduti in depressione, altri tentano la fuga per prendersi la via del mare, tutto questo dalla disperazione in cui siamo lasciati a sopravvivere. Abbiamo 7 casi di tentato suicidio, tra coloro che sono da un anno e più, costretti a spostarsi da un lager ad un altro, senza vedere uno spiraglio per il loro futuro. Poche settimane fa una donna Nigeriana malata che non ha trovato le cure è morta qui, anche una bambina 3 anni, ha perso la vita dopo una caduta, per il mancato di un tempestivo soccorso è morta. Ecco da ogni punto di vista viviamo in pericolo costante, per non parlare delle privazioni, e il degrado e le condizioni degradanti per la nostra dignità umana in cui siamo costretti a sopravvivere.
Chiediamo l'aiuto di tutte le istituzioni europee e alle agenzie per i diritti umani di mobilitarsi per trovare e mettere in atto un piano straordinario di evacuazione di questi fratelli e sorelle che oggi si trovano nelle condizioni descritte dalle testimonianze che abbiamo raccolto. Ogni tentennamento e rinvio mette in pericolo la vita di centinaia di vite Umane. 

don Mussie Zerai